Alla scoperta delle PMI del territorio veneto

Settore turistico scelto e motivazione della scelta:

Il concept da sviluppare vedrà applicazione in diversi campi. Il settore sarà trasversale. Questo progetto sarà infatti destinato a valorizzare dal punto di vista turistico le realtà aziendali di eccellenza del nostro territorio. L’obiettivo è quello di mostrare al turista il funzionamento delle diverse filiere economiche attingendo appieno dal patrimonio di piccole e medie imprese che popolano il territorio regionale.

Area:

La regione Veneto è un territorio ricco di realtà economiche spesso nascoste e sconosciute alla maggior parte delle persone, perchè attinenti all’ambito B2B. La possibilità di “svelare” il dietro alle quinte di alcuni processi di produzione, presenti dalla A alla Z all’interno del nostro territorio, dalla materia prima al prodotto finito “made in Veneto” permetterà di stimolare la curiosità e l’interesse sul nostro territorio da parte anche di chi non ne fa parte. Pensiamo all’attrattività nel vedere i maestri vetrai a Burano. Perchè il concept non può essere sviluppato anche a livello macro andando analizzare ogni singolo processo relativo allo sviluppo di un determinato prodotto?

Descrizione dell’idea-progetto:

L’idea-progetto nasce dalla volontà di voler portare a disposizione del pubblico la conoscenza ed il Know-how del sistema impresa in Veneto, noto per la sua eccellenza a livello Nazionale, Europeo ed Internazionale.
Se ad oggi si lavora sulla base di esperienze singole e non collegate fra loro, il concept di riferimento ha come obiettivo quello di aggregare le imprese a seconda della catena del valore e del segmento di mercato a cui si riferiscono e progettare un format ad hock per poter fornire all’utente finale una visione d’insieme di tutto il processo produttivo di un particolare prodotto, dalla materia prima alla sua vendita sul mercato.
Dal punto di vista operativo, si partirà dalla creazione di un apposito applicativo online, fruibile tramite Smartphone con apposita App, e online tramite un sito creato ad hock.
Lo staff dedicato allo sviluppo del progetto dovrà prendersi cura dal punto di vista pratico della creazione dei diversi percorsi tematici individuando all’interno delle imprese del territorio quelle che completano l’intera catena del valore.
Una volta creati i percorsi tematici, questi dovranno essere adattati in base alle esigenze del diverso pubblico al quale i tours sono indirizzati. Potranno dunque essere organizzati percorsi dalla singola giornata alla settimana, in base anche al numero di imprese partecipanti all’iniziativa.
La scelta dei partners verrà enfatizzata grazie alla collaborazione delle camere di commercio locali e alle varie associazioni di categoria che avranno il compito di aiutare lo staff dedicato allo sviluppo nella scelta dei diversi percorsi facendo leva sulla conoscenza del territorio.
Sulla piattaforma web le aziende selezionate potranno registrarsi e avere accesso ad una serie di servizi per organizzare le visite nelle loro sedi e poter comunicare con gli organizzatori.
Nell’sito, e nell’app, i visitatori potranno scegliere il tour a cui vogliono partecipando in base al tema di loro interesse. Queste due piattaforme comunicheranno loro tutti gli aggiornamenti su nuovi tour tematici in accordo con gli interessi del turista stesso (segue ad un processo di profilazione utente in modo da poter distinguere subito gli interessi del soggetto finale)
Ad esempio, potranno scegliere se partecipare ad un tour incentrato sull’industria Alimentare, in particolar modo su quella Dolciaria o dei Prodotti da forno, oppure su quella Manifatturiera, scegliendo all’interno delle imprese della Moda o dell’Occhialeria.
La disponibilità di diversi filoni di interesse permetterà a diverse tipologie di turisti di trovare quella che più si addice agli interessi di ciascuno.

Le imprese avranno interesse ad investire in questo strumento non solo per sviluppare i rapporti con i loro stessi partners all’interno dell’industria di riferimento creando occasioni di incontro e di confronto, ma anche per poter mostrare all’esterno il loro apporto al territorio e incrementare la loro brand reputation.

Fattibilità e/o innovazione dell’idea-progetto:

L’impatto e le ricadute sul territorio sono positive sotto tutti i punti di vista, se le attività vengono organizzate coinvolgendo tutti gli attori coinvolti: ente organizzatore (agenzia) aziende partecipanti (riunite sotto forma di cluster) e partners locali (enti pubblici, associazioni di categoria ed enti di formazione di ogni ordine e grado)
La curiosità e il piacere di scoprire ed entrare in contatto con nuove realtà è il motivo che spingerà i vari partners a collaborare nella direzione giusta

I vantaggi sul perché investire su questo genere di iniziativa sono molteplici:

  • Dal punto di vista del turista, permettono di conoscere delle realtà innovative e all’avanguardia e di entrare in contatto con le aziende del territorio, imparandone il funzionamento, la loro storia e il loro modo di generare valore per il territorio;
  • Dal punto di vista dell’impresa le permette di diffondere la conoscenza del brand e comunicare agli stakeholder i valori in maniera chiara ed originale grazie al rapporto diretto con il territorio nonché spiegare nel dettaglio la propria attività produttiva e di come contribuiscono all’interno della catena del valore. Inoltre, accrescono la visibilità nel proprio territorio anche per tutti quegli utenti che attualmente o in futuro collaboreranno con l’azienda stessa (dai clienti, ai fornitori, agli studenti)
  • Dal punto di vista del territorio, accrescere e incrementare il legame fra realtà imprenditoriali locali e turismo culturale nonché generare flussi di denaro in entrata derivanti dalla fruizione di sevizi da parte dei turisti. A questo proposito, l’ente organizzatore si preoccuperà anche di sviluppare contatti e stipulare convenzioni con gli operatori turistici di qualsiasi ordine.

L’idea innovativa nasce dal fatto di poter proporre al turista un pacchetto completo a 360 gradi e non a singoli e separati compartimenti fra aziende dello stesso settore e della stessa industria in modo da metterlo in grado di poter comprenderne in maniera completa ed esaustiva il funzionamento e i legami.

Progetto di Leonardo Forner